“Sicurezza, prevenzione, salute. Strumenti di lavoro per gli Enti Locali”: al San Raffaele la presentazione del libro

"Sicurezza, prevenzione, salute. Strumenti di lavoro per gli Enti Locali"

 

presentazione del libro a cura di Giuseppe Anelli e Massimo Liberali 

 

30 luglio – ore 9.30

sala conferenze San Raffaele, via di Val Cannuta 247, Roma

 

Interventi di: Massimo Fini, Direttore scientifico dell’IRCCS San Raffaele Roma; Marta Branca, Dg dell’Asl Roma3; Giuseppe Anelli, autore e presidente della Fondazione Sapientia Mundi; Amalia Allocca, Direttrice Medico aziendale del Gruppo San Raffaele; Mauro Mazzoni, vicepresidente dell'Ordine degli Avvocati di Roma. 

 

La sicurezza, la prevenzione e la salute dei lavoratori nell’epoca dell’emergenza Covid-19, un sistema complesso che ha un riferimento normativo cardine nel D.lgs 81 del 2008.


Un approfondimento sul tema si terrà in occasione della presentazione del libro “Sicurezza, prevenzione, salute. Strumenti di lavoro per gli Enti Locali”, il prossimo venerdì, 30 luglio, presso la sala conferenze del San Raffaele, in via di Val Cannuta 247, Roma.


La pubblicazione a cura di Giuseppe Anelli e Massimo Liberali, con l’introduzione retrospettiva sulla sicurezza sul lavoro nell’epoca dell’emergenza Sars Cov2 della prof.ssa Marta Branca, DG della Asl Roma 3, è un utile strumento rivolto principalmente ai datori di lavoro – sia di grandi che di piccole aziende e pubbliche amministrazioni - per applicare il D. lgs 81/2008.


Il libro edito dalla Camera Arbitrale della Sussidiarietà Territoriale in collaborazione con la Fondazione Sapientia Mundi fa un excursus storico della normativa italiana in tema di sicurezza e salute sul lavoro, arrivando ai giorni nostri. Punta l’attenzione sulle leggi vigenti in materia e sulla loro evoluzione, fornendo anche una serie di definizioni che contribuiscono a inquadrare gli ambiti di riferimento e a fare chiarezza oltre che conoscenza su questioni spesso sottovalutate.


“A luce di quanto accaduto a causa della pandemia, bisognerà certamente pensare a un aggiornamento della normativa e bisognerà farlo ascoltando maggiormente i fruitori. Spesso parliamo di medicina del lavoro in maniera oggettiva e non soggettiva. La soggettività – spiega Giuseppe Anelli, presidente della fondazione Sapientia Mundi - porta una maggiore capacità dell’utente di poter predisporre le norme di sicurezza. All’inizio della pandemia ha pesato la mancanza di conoscenza che ha determinato incapacità di agire e una mancata tempestività nell’affrontare una situazione patologica assimilabile ad altre patologie preesistenti. Di qui anche ritardi sia sul fronte terapeutico che sul fronte della gestione dell’operatività lavorativa”.


“Il personale è la risorsa più importante che permette agli Enti di svolgere il proprio operato con efficacia ed efficienza. Proprio le risorse umane, indipendentemente dal contratto che le incardinano all’interno delle Aziende, devono essere poste in condizioni di sicurezza durante lo svolgimento del proprio operato; ne deriva che le misure di prevenzione e protezione del personale messe in atto e la salubrità dell’ambiente di lavoro permettono anche ai pazienti di essere posti al sicuro. Ciò richiama – afferma Marta Branca, direttore generale della Asl Roma 3 - una nozione fondamentale ovvero l’umanizzazione delle cure che consente di coniugare lo sviluppo tecnologico alla vicinanza con il paziente; i due concetti potrebbero sembrare in netta antitesi ma al contrario solo conciliandoli sarà possibile ottenere un’accoglienza ed un’assistenza su misura per le differenti esigenze dell’utente. L’umanizzazione delle cure concerne un approccio multidisciplinare, ovvero sia l’aspetto psicologico sia quello propriamente biologico, in grado di rispettare la dignità della persona. Questo libro vuole fornire un’ampia panoramica di scenari specialmente in materia di salute, non ha l’obiettivo di porsi dunque come un mero contenitore di prassi bensì stimolare la riflessione e l’implementazione di nuove buone pratiche per istituire una circolarità virtuosa.”


Alla presentazione interverranno: Massimo Fini, Direttore Scientifico dell’IRCCS San Raffaele Roma; Marta Branca, Direttore Generale dell’ASL Roma3; Giuseppe Anelli, Presidente della Fondazione Sapientia Mundi, Mauro Mazzoni, Vicepresidente dell'Ordine degli Avvocati di Roma e Amalia Allocca, Direttrice Medico Aziendale del Gruppo San Raffaele.


L’evento del 30 luglio è realizzato con il contributo non condizionante di Aurora Biofarma, azienda farmaceutica italiana, attiva dal 2010 con tre linee farmaceutiche, di cui una veterinaria.

 

Vota questo contenuto

Documenti allegati